Modulo lingua

Torri refrigeranti d'acqua centrifughe serie TRSParticolare del pacco evaporativo e del banco ugelliTorre centrifuga TRS a singola aspirazione

TORRI TRS - SPECIFICHE TECNICHE DELLE TORRI REFRIGERANTI D’ACQUA CON VENTILATORI CENTRIFUGHI

PANNELLATURA

Costruzione in lamiera zincata dello spessore minimo di 20/10. Tutti i pannelli sono bordati per dare robustezza all’unità e assemblati con bulloni zincati. Uno speciale mastice al silicone, che conserva permanentemente l’elasticità, assicura la tenuta stagna fra i pannelli.

 

BACINO DI RACCOLTA ACQUA

Anche il bacino di raccolta dell’acqua è costruito con pannelli di lamiera zincata dello stesso spessore dell’involucro, assemblati con bulloni zincati.

All’interno viene applicato uno speciale materiale impermeabilizzante che ne garantisce la tenuta. Il bacino è completo di raccordi per la presa dell’acqua di reintegro, per il “troppo pieno”, per l’uscita dell’acqua raffreddata e per lo svuotamento.

L’afflusso dell’acqua di reintegro è controllato e garantito da una valvola a galleggiante in rame. Un by-pass fra l’entrata dell’acqua e il “troppo pieno” permette lo scarico continuo di una parte dell’acqua di ritorno, assicurando in tal modo il controllo della concentrazione dei sali nel circuito.

 

PROTEZIONE ANTI-CORROSIONE DELLA CARPENTERIA

Per aumentare la resistenza contro la corrosione, già assicurata dalla costruzione in lamiera zincata, tutte le torri di raffreddamento sono verniciate esternamente (ciclo protettivo SCAMBOND/HYB) e rivestite in bitume all’interno. 

 

PACCO DI SCAMBIO TERMICO

Il pacco di scambio termico è costituito da una struttura alveolare di materiale P.V.C. La struttura a nido d’ape con canali verticali assicura una bassa perdita di carico sul flusso dell’aria ed elimina la possibilità di ristagno dell’acqua. Il pacco di scambio è adatto per temperature inferiori ai 50°C, resiste alla decomposizione da attacchi biologici o da funghi ed è autoestinguente.

 

BANCO UGELLI SPRUZZATORI

Costituito da un collettore (due sui modelli doppi) di alimentazione e banchi porta ugelli in acciaio zincato con ugelli smontabili in nylon. Il diametro degli ugelli è di grande dimensione per evitare eventuali ostruzioni. Il banco degli ugelli assicura una distribuzione uniforme dell’acqua da raffreddare sul pacco di scambio termico.

 

SEPARATORI DI GOCCE

Il separatore di gocce è realizzato in PVC ed è montato sopra al banco ugelli, con lo scopo di evitare il trascinamento di gocce d’acqua, provocato dal flusso dell’aria, all’esterno della torre. La sagomatura del pacco assicura il contenimento al minimo della perdita di carico sul flusso dell’aria.

 

SEZIONE VENTILANTE

Ventilatori di tipo centrifugo a doppia aspirazione, costruiti in lamiera zincata, con girante calettata su albero in acciaio cadmiato, supportato da cuscinetti a sfere, accoppiato al motore elettrico con trasmissione a cinghie e pulegge a gole trapezoidali. Motore elettrico di tipo chiuso IP 54, a ventilazione esterna, montato su slitte tendicinghia all’interno della sezione ventilante.

 

ACCESSORI

  • - Resistenze elettriche antigelo
  • - Termostato ambiente per comando sistema antigelo
  • - Motori dei ventilatori sovradimensionati per consentire una prevalenza statica utile di 100 Pa sul flusso dell’aria.
  • - Motori dei ventilatori a doppia polarità (4/8 poli o 4/6 poli )
  • - Silenziatori tipo “A” per un abbattimento pari a 10 dB(A)
  • - Silenziatori tipo “B” per un abbattimento pari a 20 dB(A)

Nel caso di più torri funzionanti in parallelo, è prevedibile una predisposizione per il collegamento di equalizzazione tra le vasche di raccolta acqua.

La torre di raffreddamento non è provvista di quadro elettrico pertanto l’allacciamento dei motori elettrici è previsto a cura del cliente.

 

FUNZIONAMENTO DELLE TORRI IN CONDIZIONI NOMINALI

Le torri di raffreddamento per impieghi di climatizzazione vengono scelte di solito per temperature standard dell’acqua: convenzionalmente si accetta una temperatura dell’acqua entrante alla torre di 35°C, con una temperatura in uscita di 29,5°C. Il differenziale di temperatura è così fissato in 5,5°C. Comunque la minima temperatura dell’acqua in uscita non potrà essere mai inferiore alla temperatura a bulbo umido dell’aria esterna aumentata di 2 - 3°C. Come è noto la scelta della torre deve essere riferita alla potenza termica da smaltire e alla temperatura esterna di progetto a bulbo umido. A proposito di questa è tuttavia necessario tener conto dei possibili aumenti di temperatura, per periodi di breve durata, che possono verificarsi in piena stagione, in concomitanza con la massima domanda di raffreddamento. Per prevenire il rischio di sovraccarichi dei gruppi frigoriferi è buona regola effettuare la scelta della torre per una temperatura a b.u. di circa 2°C superiore a quella di progetto della località. Questo accorgimento, oltre a prevenire sovraccarichi, consentirà un funzionamento con minor consumo di energia del gruppo frigorifero per tutta la stagione. Per il raffreddamento di processo ,nell’industria sono frequenti temperature dell’acqua calda fino a 85°C. Esse possono richiedere la sostituzione del pacco alveolare standard, nonché del separatore di gocce, con il modello speciale per alte temperature.

 

SCARICA LA SCHEDA DI APPROFONDIMENTO IN FORMATO PDF